Indietro
Vasculiti, la qualità della vita del paziente play video button
12.1.2021

Vasculiti, la qualità della vita del paziente

La qualità della vita del paziente è condizionata dalla precocità della diagnosi. Grazie a una diagnosi precoce è possibile evitare le conseguenze correlate al danno della parete del vaso.


Ad esempio, la vasculite dei grandi vasi infiamma la carotide esterna ed interna. Quando infiamma la carotide esterna insorgono sintomi cranici come la cefalea. Quando invece c’è un interessamento della carotide interna, il mancato riconoscimento dell’infiammazione può portare a ischemia vascolare del nervo ottico e quindi a cecità. Le vasculiti hanno la peculiarità di recidivare, per sono necessarie lunghe terapie salva-vita che espongono però a tutta una serie di effetti collaterali.

Dall’analisi di 120 pazienti trattati con terapia immunosoppressiva per più di due anni è emerso la presenza dei seguenti effetti collaterali: 40% cataratta, 31% ipertensione arteriosa e 38% fratture ossee, 9% diabete.


Ne parliamo con Gianluigi Bajocchi, Unità operativa complessa di Reumatologia, Ospedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia.

Con il supporto NON CONDIZIONANTE di:

Intermedia srl
Via Malta, 12/b – 25124 Brescia – tel +39 030 226105
Via Ippolito Rosellini 12 – 20124 Milano – tel +39 02 60780611
Via Monte delle Gioie 1 – 00199 Roma – tel +39 06 8622881
logo intermedia
© 2020-2021 – CF. e P.IVA 03275150179 – Privacy & Cookie


Editore: Intermedia s.r.l.
Direttore Responsabile: Mauro Boldrini
Registrazione presso il Tribunale di Brescia N. 11/2020 del 05/10/2020
Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione N. 4867