Indietro
Spondiloartriti: la diagnosi, un processo complessoplay video button
8.10.2020

Spondiloartriti: la diagnosi, un processo complesso

La diagnosi delle spondiloartriti è un processo complesso. Il paziente deve essere studiato nella sua completezza. Va effettuata una accurata anamnesi non solo sulla sua storia personale ma anche di quella familiare e sottoposto a esame clinico generale e delle articolazioni, a indagini di laboratorio e di imaging.

A fini diagnostici è molto importante analizzare le caratteristiche cliniche del dolore. I pazienti colpiti da spondiloartriti percepiscono un dolore infiammatorio, notturno, che peggiora con il riposo e si attenua con il movimento, e che spesso è associato a una maggiore rigidità articolare al mattino. Inoltre possono presentare articolazioni gonfie, rosse, calde e infiammate.

Per la diagnosi di spondiloartrite, il clinico si avvale anche di dati di laboratorio; l’aumento degli indici di infiammazione (VES e PCR) è indicativo di presenza di malattia. Talvolta però la patologia può essere in atto, sebbene non si rilevi dalle indagini effettuate. In taluni casi si possono riscontrare segni di infiammazione intestinale e vanno escluse patologie infettive.

Anche le indagini di imaging hanno un ruolo importante nella diagnosi di queste affezioni, e consentono di individuare la malattia, talvolta anche in fase precoce.

Ne parliamo con Monica Todoerti, Specialista in Reumatologia Dirigente Medico, presso l’Ospedale Civile di Alessandria

Con il supporto NON CONDIZIONANTE di:

Intermedia srl
Via Malta, 12/b – 25124 Brescia – tel +39 030 226105
Via Ippolito Rosellini 12 – 20124 Milano – tel +39 02 60780611
Via Monte delle Gioie 1 – 00199 Roma – tel +39 06 8622881
logo intermedia
© 2020-2021 – CF. e P.IVA 03275150179 – Privacy & Cookie


Editore: Intermedia s.r.l.
Direttore Responsabile: Mauro Boldrini
Registrazione presso il Tribunale di Brescia N. 11/2020 del 05/10/2020
Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione N. 4867