Indietro
Sclerodermia, un cenno alle terapie

Sclerodermia, un cenno alle terapie

La terapia della sclerodermia, trattandosi di una malattia autoimmune, si basa sugli immunosopressori. Tra i più moderni si annoverano il Rituximab, il Micofenolato Mofetile, molto utilizzato nei trapianti, il Tocilizumab e le immunoglobuline da infondere ad alte dosi per via endovenosa.

Come trattamenti vaso-attivi, invece, si utilizzano farmaci che inducono a un miglior comportamento le cellule endoteliali. Ci sono poi i trattamenti anti fibrotici che impediscono l'apposizione di collagene che provoca la fibrosi della cute. Ed infine le terapie fisiche che danno grande giovamento ai pazienti.

Ne parliamo con Guido Valesini, Professore ordinario fuori ruolo in Reumatologia Università La Sapienza.

Intermedia srl
Via Malta, 12/b – 25124 Brescia – tel +39 030 226105
Via Ippolito Rosellini 12 – 20124 Milano – tel +39 02 60780611
Via Monte delle Gioie 1 – 00199 Roma – tel +39 06 8622881
logo intermedia
© 2020-2021 – CF. e P.IVA 03275150179 – Privacy & Cookie


Editore: Intermedia s.r.l.
Direttore Responsabile: Mauro Boldrini
Registrazione presso il Tribunale di Brescia N. 11/2020 del 05/10/2020
Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione N. 4867