Indietro
Qual è l’impatto delle malattie reumatologiche sulla fertilità maschile?play video button
23.2.2021

Qual è l’impatto delle malattie reumatologiche sulla fertilità maschile?

Nonostante le malattie reumatologiche colpiscano di più il sesso femminile, in Italia si stima che oltre 1 milione e mezzo di uomini siano affetti da una patologia reumatologica. Si tratta molto spesso anche di giovani adulti che desiderano diventare padri.

Non ci sono prove scientifiche che dimostrano che la fertilità maschile sia influenzata negativamente dalla malattia reumatologica, anche se la sclerosi sistemica e il lupus possono dare disfunzione erettile. Ci sono inoltre alcune vasculiti sistemiche che possono colpire le gonadi, inficiando sulla spermatogenesi.

A proposito dei farmaci non sono documentati casi di alterazione della fertilità a seguito dell’assunzione di methotrexate. Sono stati, però, riscontrati alcuni casi di oligospermia o azoospermia in pazienti con psoriasi. La sulfasalazina può essere causa di infertilità transitoria, mentre la ciclofosfamide si associa a un danno delle gonadi che può essere anche permanente. I pazienti reumatologici possono quindi soddisfare il proprio desiderio di paternità, ma è importante che si consultino con il proprio reumatologo sulle modalità di conservazione della fertilità.

Ne parliamo con Luca Quartuccio Clinica di Reumatologia, Università di Udine.

Con il supporto NON CONDIZIONANTE di:

logo bristol myers squibb
Intermedia srl
Via Malta, 12/b – 25124 Brescia – tel +39 030 226105
Via Ippolito Rosellini 12 – 20124 Milano – tel +39 02 60780611
Via Monte delle Gioie 1 – 00199 Roma – tel +39 06 8622881
logo intermedia
© 2020-2021 – CF. e P.IVA 03275150179 – Privacy & Cookie


Editore: Intermedia s.r.l.
Direttore Responsabile: Mauro Boldrini
Registrazione presso il Tribunale di Brescia N. 11/2020 del 05/10/2020
Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione N. 4867