Indietro
Polimialgia reumatica, diagnosi e clinicaplay video button
20.4.2021

Polimialgia reumatica, diagnosi e clinica

Non esistono parametri specifici che consentano di identificare la polimialgia reumatica. La diagnosi è clinica e può essere facilmente intuita se il paziente ha un dolore che interessa il cingolo scapolare o pelvico, con caratteristiche infiammatorie. Si tratta, cioè, di un dolore costante, più intenso di notte e molto forte al risveglio, con una condizione di rigidità. L’interessamento può essere anche a livello delle mani.

È importante chiedere al paziente se, a quelli già elencati, si associno altri disturbi come: mal di testa o dolore a livello della masticazione. Alla polimialgia reumatica, infatti, in un terzo dei casi si associa l’Arterite di Horton, una patologia che può presentare una certa gravità, poiché il processo infiammatorio può occludere i vasi dell’occhio e determinare cecità. Il riconoscimento precoce di tale patologia è fondamentale, quindi, affinché si intervenga tempestivamente con una terapia idonea.

Ne parliamo con Roberto Gerli, Presidente Società Italiana di Reumatologia e Direttore Struttura Complessa di Reumatologia, Università di Perugia.

Intermedia srl
Via Malta, 12/b – 25124 Brescia – tel +39 030 226105
Via Ippolito Rosellini 12 – 20124 Milano – tel +39 02 60780611
Via Monte delle Gioie 1 – 00199 Roma – tel +39 06 8622881
logo intermedia
© 2020-2021 – CF. e P.IVA 03275150179 – Privacy & Cookie


Editore: Intermedia s.r.l.
Direttore Responsabile: Mauro Boldrini
Registrazione presso il Tribunale di Brescia N. 11/2020 del 05/10/2020
Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione N. 4867