Indietro
Malattie reumatologiche e telemedicina play video button
8.3.2021

Malattie reumatologiche e telemedicina

Di fronte al cambiamento drammatico determinato dall’infezione da Covid-19, è necessario fornire delle indicazioni ai pazienti che li consentano di dialogare con il proprio medico, anche da remoto. È per questo motivo che il Ministero ha provveduto a emanare una serie di raccomandazioni riguardo la telemedicina.

La telemedicina oggi ha un ruolo molto importante per ridisegnare il sistema sanitario nazionale, e passare da un’organizzazione ospedalo-centrica a una organizzazione paziente-centrica. La Sir, con il patrocinio di ANMAR, del Ministero della Salute, e grazie al supporto non condizionato di Aziende sensibili a questo aspetto, ha contribuito a fornire una piattaforma di medicina, denominata iARPlus, che consente di intercettare il paziente, approntare una visita reumatologica e consentirgli di ricevere una gestione ottimale. Si tratta di una piattaforma basata sull’impiego di indicatori ed è orientata soprattutto ai pazienti che presentano malattie reumatologiche come l’artrite reumatoide, l’artrite psoriasica e la spondiloartrite assiale.  Attraverso questo sistema, il paziente può confrontarsi con il reumatologo, che avrà tutte le informazioni necessarie a stabilire se sia opportuno fissare una visita in presenza, o possa proseguire un confronto da remoto. La telemedicina, però, necessita di un’ulteriore implementazione che passi attraverso una normativa regionale. È fondamentale, infatti, l’accettazione del sistema e la messa in atto dei piani di tariffazione e di rendicontazione dal punto di vista finanziario. È auspicabile che la telemedicina venga estesa su tutto il territorio nazionale e possa contribuire alla riorganizzazione dell’assistenza sanitaria reumatologica, in particolare sostenendo lo spostamento del fulcro dall’ospedale al territorio, attraverso nuovi modelli assistenziali.

Questo modello dovrebbe consentire di gestire le tele-visite, di dialogare a distanza con il reumatologo, di semplificare l’accesso del paziente attraverso la compilazione di un questionario di auto-valutazione e di implementare quelle funzioni che consentano allo specialista di intervenire in modo tempestivo nei casi a rischio. Infine, il sistema di telemedicina, esteso a oltre 40 centri che hanno aderito alla proposta, dovrebbe consentire di aumentare il numero delle prestazioni e riportarlo a quello registrato nella situazione pre-covid.

Ne parliamo con Fausto Salaffi, Professore associato di Reumatologia Clinica Reumatologica Università Politecnica delle Marche, Ancona.

Con il supporto NON CONDIZIONANTE di:

logo bristol myers squibb
Intermedia srl
Via Malta, 12/b – 25124 Brescia – tel +39 030 226105
Via Ippolito Rosellini 12 – 20124 Milano – tel +39 02 60780611
Via Monte delle Gioie 1 – 00199 Roma – tel +39 06 8622881
logo intermedia
© 2020-2021 – CF. e P.IVA 03275150179 – Privacy & Cookie


Editore: Intermedia s.r.l.
Direttore Responsabile: Mauro Boldrini
Registrazione presso il Tribunale di Brescia N. 11/2020 del 05/10/2020
Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione N. 4867