Indietro
Malattie reumatiche o reumatologiche? play video button
9.3.2021

Malattie reumatiche o reumatologiche?

È utilizzato frequentemente il termine “malattie reumatiche” piuttosto che “malattie reumatologiche”. Questo accade perché si fa riferimento alla diffusa convinzione che tutte le patologie siano uguali e vadano annoverate in un unico gruppo che coinvolge le articolazioni. Se in passato erano definite malattie reumatiche le patologie causate da un’infezione da germi che conduceva a delle artriti, oggi le malattie reumatologiche sono molte di più.

Il termine “reumatico”, perciò, è riduttivo e improprio ed ha una pesante ricaduta pratica. Spesso una malattia reumatologica viene diagnosticata in ritardo, poiché il paziente pensa che si tratti di un semplice reumatismo e basti un analgesico per calmare il dolore. Con una diagnosi tardiva però si rischia un danno funzionale permanente e questo ritardo è spesso dovuto all’impropria terminologia in uso. È un problema non solo semantico ma ben più profondo, soprattutto se si considera che oggi si dispone di risorse terapeutiche che permetterebbero al paziente di condurre una vita normale. Ultimo aspetto: le malattie reumatologiche non sempre hanno al centro le articolazioni, per esempio le vasculiti sistemiche spesso presentano molte più manifestazioni extra-articolari che articolari.

Ne parliamo con Guido Valesini Professore Emerito di Reumatologia, Università “La Sapienza” di Roma.

Con il supporto NON CONDIZIONANTE di:

Intermedia srl
Via Malta, 12/b – 25124 Brescia – tel +39 030 226105
Via Ippolito Rosellini 12 – 20124 Milano – tel +39 02 60780611
Via Monte delle Gioie 1 – 00199 Roma – tel +39 06 8622881
logo intermedia
© 2020-2021 – CF. e P.IVA 03275150179 – Privacy & Cookie


Editore: Intermedia s.r.l.
Direttore Responsabile: Mauro Boldrini
Registrazione presso il Tribunale di Brescia N. 11/2020 del 05/10/2020
Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione N. 4867