Indietro
Corretta alimentazione e malattie reumatologiche: qualche legame?play video button
3.6.2021

Corretta alimentazione e malattie reumatologiche: qualche legame?

Le malattie reumatologiche e l’alimentazione sono correlate. Si tratta infatti di malattie caratterizzate da un’infiammazione cronica, in cui anche l’apporto alimentare gioca un ruolo. Una corretta alimentazione, infatti, permette al corpo di allontanare i processi flogistici cronici. Le diete non equilibrate, invece, possono essere responsabili di patologie muscolo-scheletriche come le artriti, il lupus, la gotta e l’osteoporosi. All’alimentazione scorretta sono riconducibili oltre il 90% dei casi di gotta, il 60% di osteoporosi e anche le persone colpite da lupus e artriti presentano un peggioramento nei mesi invernali, probabilmente a causa della mancanza di vitamina D.

Quali alimenti è indicato consumare? Verdura e frutta colorata, perché rappresentano un’importante fonte di fibre e di vitamine antiossidanti, consigliati anche pesce azzurro e rosa, i derivati del latte, i peperoncini rossi che aumentano la produzione di macrofagi e il cacao, ricco di sostanze antiossidanti.

Da limitare invece il consumo eccessivo di sale e di bevande zuccherate. È importante seguire la dieta mediterranea, per la varietà di alimenti che presenta ed evitare quelle sostanze che favoriscono il processo infiammatorio, alla base delle malattie reumatologiche.

Ne parliamo con Serena Guiducci, Professore associato di Reumatologia, Direttore della Reumatologia, Università di Firenze.

Con il supporto di:

logo bristol myers squibb
Intermedia srl
Via Malta, 12/b – 25124 Brescia – tel +39 030 226105
Via Ippolito Rosellini 12 – 20124 Milano – tel +39 02 60780611
Via Monte delle Gioie 1 – 00199 Roma – tel +39 06 8622881
logo intermedia
© 2020-2021 – CF. e P.IVA 03275150179 – Privacy & Cookie


Editore: Intermedia s.r.l.
Direttore Responsabile: Mauro Boldrini
Registrazione presso il Tribunale di Brescia N. 11/2020 del 05/10/2020
Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione N. 4867