Indietro
Artriti reattive, quali prognosiplay video button
25.5.2021

Artriti reattive, quali prognosi

La storia naturale delle artriti reattive varia in modo considerevole in termini di durata di malattia, frequenza e serietà delle ricadute. In alcuni pazienti la prognosi è buona, con un decorso che si autolimita dopo un periodo di malattia. Altri pazienti invece progrediscono sviluppando una forma cronica o ricorrente e questo andamento sembra essere più frequente soprattutto nei pazienti in cui la malattia sia stata innescata dalla clamidia.

In genere, le ricadute sono favorite da nuove infezioni o da fattori stressogeni. Solo una minoranza di pazienti sviluppa una malattia destruente e disabilitante. I fattori predittivi di prognosi più severa sono ad esempio – oltre la pregressa infezione da clamidia - la familiarità per le spondiloentesoartriti e la presenza di una malattia infiammatoria cronica dell’intestino.

Ne parliamo con Rossana Scrivo, Docente UOC Reumatologia Università La Sapienza, Roma.

Con il supporto di:

logo bristol myers squibb
Intermedia srl
Via Malta, 12/b – 25124 Brescia – tel +39 030 226105
Via Ippolito Rosellini 12 – 20124 Milano – tel +39 02 60780611
Via Monte delle Gioie 1 – 00199 Roma – tel +39 06 8622881
logo intermedia
© 2020-2021 – CF. e P.IVA 03275150179 – Privacy & Cookie


Editore: Intermedia s.r.l.
Direttore Responsabile: Mauro Boldrini
Registrazione presso il Tribunale di Brescia N. 11/2020 del 05/10/2020
Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione N. 4867