Indietro
Artriti reattive, inquadramento, sintomi e diagnosiplay video button
4.5.2021

Artriti reattive, inquadramento, sintomi e diagnosi

Le artriti reattive sono considerate parte dello spettro delle spondiloentesoartriti, con cui condividono alcuni aspetti. Sono patologie sistemiche che si sviluppano negli individui tra i 20 e i 40 anni di età, con terreno genetico predisponente, entro un mese dall’infezione batterica genito-urinaria, causata da microorganismi.

I soggetti maschili e femminili presentano un rischio simile di sviluppare un’artrite reattiva, sostenuta da una infezione enterica. Come conseguenza dell’infezione si sviluppa un’artrite sterile, a carico prevalentemente delle grosse articolazioni e degli arti inferiori. Alcuni pazienti presentano, invece, un impegno prevalentemente assiale.

Come è tipico delle spondiloentesoartriti, sia le manifestazioni muscolo-scheletriche che assiali possono associarsi a coinvolgimento infiammatorio extra-articolare a livello oculare, cardiaco, genito-urinario, gastrointestinale e cutaneo e mucoso. Sebbene il quadro clinico sia suggestivo, la diagnosi di artrite reattiva può essere complicata dal fatto che talvolta l’infezione scatenante decorre in maniera completamente asintomatica o i segni e sintomi si sono già risolti quando compaiono l’artrite e le altre manifestazioni extra-articolari.

Ne parliamo con Rossana Scrivo, Docente UOC Reumatologia Università La Sapienza, Roma.

Intermedia srl
Via Malta, 12/b – 25124 Brescia – tel +39 030 226105
Via Ippolito Rosellini 12 – 20124 Milano – tel +39 02 60780611
Via Monte delle Gioie 1 – 00199 Roma – tel +39 06 8622881
logo intermedia
© 2020-2021 – CF. e P.IVA 03275150179 – Privacy & Cookie


Editore: Intermedia s.r.l.
Direttore Responsabile: Mauro Boldrini
Registrazione presso il Tribunale di Brescia N. 11/2020 del 05/10/2020
Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione N. 4867